Month: aprile 2016 (Page 1 of 2)

La commissione parlamentare UE e le valute virtuali

L’importanza delle valute virtuali e la sua tecnologia di base blockchain è stata riconosciuta dall’Unione Europea con conseguenti prospettive favorevoli del Parlamento europeo verso l’industria delle criptovalute. Il recente rapporto pubblicato dal Parlamento europeo mette in luce la loro posizione verso le valute virtuali.

Il rapporto sulle valute virtuali e la tecnologia di moneta virtuale è stato pubblicato dalla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori la scorsa settimana. Il rapporto è pensato per il consumo e la considerazione da parte della commissione parlamentare europea per i problemi economici e monetari .

In questa relazione, la commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori indica chiaramente i vari vantaggi delle valute virtuali, con l’intenzione di influenzare eventuali regolamenti futuri della moneta virtuale redatto dal Comitato economico e monetario, applicabili per l’Unione europea.

La maggior parte dei punti contenuti nella relazione sono già ben noti alla comunità delle criptovalute ma questo pezzo di comunicazione ufficiale sarà utile per influenzare i funzionari coinvolti nella redazione e attuazione della legislazione per le monete virtuali per conto degli utenti e dei consumatori in generale.

Alcuni dei punti elencati nel rapporto sono i seguenti:

  • valute virtuali e la tecnologia dietro di esse sono ancora nelle sue prime fasi di crescita e sviluppo. Essendo una tecnologia relativamente nuova, non può essere confrontata con altre tecnologie convenzionali esistenti. La moneta digitale è noto che può offrire un sacco di benefici per i consumatori, imprese, enti di beneficenza e anche le economie mondiali. La tecnologia di moneta virtuale è nota per promuovere tempi di transazione più veloci a costi minori rispetto ai metodi convenzionali di trasferimento di fondi.
  • La tecnologia di moneta virtuale ha il potenziale per offrire servizi finanziari alternativi al unbanked e underbanked, promuovere l’inclusione finanziaria a tutti. Inoltre, è anche una grande influenza sulle piccole e medie imprese, fornendo loro l’accesso ai finanziamenti e le risorse finanziarie.
  • Fino ad ora, i costi associati per micropagamenti con metodi finanziari convenzionali è stato impossibile. Ma ora è possibile con le valute virtuali come le spese di transazione ad essi associati che sono trascurabili. La stessa funzione consente anche operazioni transfrontaliere redditizie, in cui il destinatario sarà in grado di ricevere quasi il 100 per cento dei fondi trasferiti, senza alcuna tassa di transazione transfrontaliera e commissione di conversione in valuta estera.
  • L’uso della tecnologia blockchain è ora prevista da quasi tutti i settori industriali, con banche e settori finanziari in prima linea. La stessa tecnologia può essere sfruttata dai settori governativi e nei servizi pubblici, nonché, fornire servizi veloci e più efficienti ai cittadini dell’Unione europea mediante l’attuazione di contratti intelligenti e incoraggiando le transazioni in valuta virtuale.
  • Anche se ci sono stati preoccupazioni circa l’uso di valute virtuali e la sua tecnologia di base per attività illegali, non ci sono prove sufficienti per sostenere queste preoccupazioni, quindi sarà prematuro concludere che le valute virtuali rappresentano una minaccia significativa per la legge e l’ordine.
  • Allo stesso tempo, ci sono segnalazioni di utenti in valuta virtuale nel mirino di scamsters e hacker. Così, invece di regolare le valute digitali, il governo dovrebbe lavorare per l’attuazione di garanzie adeguate per proteggere gli interessi degli utenti della moneta digitale.

Inoltre, il Comitato riconosce anche alcune delle minacce valute virtuali possono rappresentare per l’economia del Paese come i suoi aumenti di utilizzo tra le persone. Le preoccupazioni circa un aumento della volatilità delle valute digitali sono inclusi nello stesso rapporto.

A dispetto di tutti questi argomenti, è difficile prevedere l’esito della rivoluzione moneta digitale e le eventuali politiche di regolamentazione a lungo termine creati dal governo e legislatori a questo punto può finire soffocare l’innovazione nel settore. Mantenere i potenziali vantaggi delle tecnologie di valute virtuali in mente, è importante per i governi a creare un ambiente favorevole per l’innovazione nel settore tenendo d’occhio lo sviluppo.

Invece di introdurre leggi più severe, sarà più sensibile per creare consapevolezza circa il settore moneta digitale tra le masse. Qualsiasi normativa in materia di valute virtuali, sia create dalla stessa Unione Europea o dei suoi paesi membri, dovrebbero prendere in considerazione tutti i fattori menzionati nella relazione e di ottenere una comprensione completa della moneta virtuale e la tecnologia blockchain prima di andare avanti con essa.

Questo è uno dei rapporto più completi creati sul futuro delle valute digitali e le cose che devono essere considerate prima di implementare normative sulla moneta digitale. Se questo rapporto creerà un impatto sufficiente per influenzare la commissione per gli affari economici e monetari nella sua decisione sulla normativa moneta digitale è qualcosa che solo il tempo potrà dirlo.

Western Union investe in Bitcoin-Centric Digital Currency Group

Il gigante Western Union è il nuovo investitore del Digital Currency Group, in un nuovo round di finanziamento.

Digital Currency Group (DCG) è ben gradita di accettare nuovi investitori come la Pechino HCM International Co., una filiale di Foxconn Ltd., che si è concentrata sugli investimenti e una serie di fondi tra cui Gibilterra Ventures, OMERS Ventures, Orizzonte Kinetics, Kingsbridge Wealth Management e Wood Investment Partners.

I termini e le quantità di investimenti per il round di finanziamento non sono ancora stati resi noti in un annuncio scritto da Barry Silbert , fondatore di DCG.

In una dichiarazione, Silbert ha condiviso le sue opinioni circa i nuovi investitori di DCG.

I nostri investitori ora coprono diversi segmenti del settore finanziario, dalle banche alle compagnie di assicurazione per le aziende globali di trasferimento di denaro e di pagamento che vedono il potenziale delle valute digitali e le loro numerose applicazioni.

Esso comprende anche le aziende manifatturiere e le aziende dei media che cercano di sfruttare le valute digitali e libri distribuiti (blockchain) per creare nuovi livelli di efficienza nella loro attività e costruire nuovi prodotti e servizi che rendono la circolazione di beni e moenta in tutto il mondo in un istante, senza attrito e veramente senza limiti.

Aggiungere personale chiave e consiglieri

Con l’annuncio, DCG anche nominato due nuovi membri del consiglio a Glen Hutchins, il co-fondatore della società di private equity Silver Lake Partners e un direttore di AT & T e Nasdaq, nonché direttore della Federal Reserve Bank di New York.

Hutchins, che è anche parte-proprietario di NBA franchising Boston Celtics ha detto:

La tecnologia Bitcoin ha il potenziale, tra molti altri impatti che avrà, per trasformare il sistema di pagamento globale e DCG si propone di essere una forza centrale in questo processo di cambiamento.

Lawrence Lenihan, co-fondatore e co-CEO della firma di investimento “Resonance” entra a far parte del consiglio, facendo in totale un board di 3 membri compreso Silbert.

In particolare, DCG vedrà anche lo sviluppatore bitcoin Gavin Anderson aderire come senior advisor. Così pure, sarà il Dr. Lawrence H. Summers, ex segretario al Tesoro sotto il presidente Clinton. Egli è anche il direttore del Consiglio Economico Nazionale per il presidente Obama.

Dr. Summers ha aggiunto che “le valute digitali, blockchain e ‘internet di valore’ contribuirà a creare nuove piattaforme”, che consentiranno l’inclusione finanziaria con potenziale una delle tecnologie “che potrebbero andare lontano con l’adozione di massa.

La piattaforma di gioco Steam ora accetta Bitcoin

Confermando delle indiscrezioni, la piattaforma di giochi e media digitali Steam da oggi accetta pagamenti bitcoin attraverso BitPay.

L’annuncio di oggi conferma le indiscrezioni precedenti che Valve, la società che gestisce Steam, aveva cercato di aggiungere la nuova moneta digitale come opzione di pagamento. Steam aveva lasciato intendere questo alla sua comunità di sviluppatori in un recente aggiornamento software da qui le indiscrezioni sulla possibilità che a breve sarebbe stato introdotto il supporto per bitcoin.

La piattaforma attira milioni di utenti su base giornaliera e come piattaforma attira una base di utenti tech-friendly. Report passati indicano che la piattaforma incassa centinaia di milioni di dollari come entrate mensili per i  giochi e altri media digitali.

In un post sul blog che annuncia la mossa, BitPay ha detto che è stata avvicinata da Valve perché la società era alla ricerca di opzioni di pagamento per le zone del mondo dove i pagamenti tradizionali sono meno accessibili.

BitPay ha detto:

“Valve ci ha contattato perché erano alla ricerca di un metodo di pagamento internazionale e veloce per gli utenti Steam nei mercati emergenti in paesi come India, Cina e Brasile. Mentre crescono gli utenti in questi paesi, non altrettanto le opzioni di pagamento tradizionali come carte di credito che spesso non sono disponibili. “

Steam non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

Exchange giapponese bitFlyer raccoglie $27 milioni

In un round di finanziamento guidato dall’investitore giapponese SBI per gli investimenti con sede a Tokyo la società per gli investimenti venture capital Labo , l’operatore di cambio valuta giapponese bitFlyer ha raccolto circa 3 miliardi di yen (27 milioni di dollari) per finanziare l’espansione delle attività.

Le azioni sono state emesse questa settimana tramite una terza parte di investitori, tra cui fondi coordinati da Venture Labo investimenti e SBI investimenti.

Lo scambio di criptovaluta ha visto i numeri in crescita con oltre 150.000 utenti serviti nel solo mese di aprile, oltre 10 volte il numero dallo stesso periodo dell’anno scorso. Come rivelato da un rapporto in pubblicazione regionale Nikkei, la nuova capitale contribuirà a finanziare la ricerca e lo sviluppo della tecnologia blockchain a bitFlyer.

Lo scambio Bitcoin ha percorso una lunga strada dai cicli di investimento iniziali, uno dei quali è stato di 236.000 $ nell’ottobre 2014. Questa particolare raccolta di fondi ha lo scopo di aiutare bitFlyer a espandersi a livello internazionale, con Singapore destinato come obiettivo principale al momento.

Il Giappone ha visto un aumento degli investimenti verso gli scambi di valuta elettronica con Kraken , un investimento garantito da Kraken all’inizio di quest’anno è venuto da una primaria società di VC del Giappone.

L’aumento dei finanziamenti verso le aziende Bitcoin e Fintefch arriva durante i mesi in cui feedback favorevolo sono usciti dalla stampa Giapponese dove le autorità e il governo del paese stanno prendendo in considerazione il bitcoin come moneta. I primi di marzo ha visto il governo giapponese passare degli emendamenti per riconoscere ufficialmente le valute digitali come Bitcoin come denaro reale.

bitFlyer dice anche di avere in progetto un sito di e-commerce dove sarà accettato il bitcoin.

Il totale dei fondi raccolti da bitFlyer fino ad oggi, tra cui i recenti capitali, sono attualmente pari a oltre 35 milioni di $.

Carta di credito Bitcoin

Usa Bitcoin con Amazon, AliExpress e altri con la carta “Unichange Bitcoin”

A partire da oggi, Unichange lancia la sua carta di debito virtuale, le condizioni della promozione sono molto trasparenti: i clienti che ordinano una carta Unichange riceveranno anche l’Unichange carta virtuale (della stessa moneta) gratuitamente, si prega di cliccare qui per i dettagli della promozione.

La consegna della carta virtuale è immediata così i clienti possono utilizzare la loro carta virtuale mentre attendono l’arrivo della carta fisica di plastica. Fondi sulla carta virtuale possono essere trasferiti alla carta di credito non appena sono arrivati sul conto.

Unichange ha commissioni di pagamento molto basse: solo lo 0.7% per i Bitcoin, litecoin.
Una volta che i fondi sono arrivati sull’Unichange questi fondi sono interamente coperti dal fornitore della carta con licenza EMI ed i clienti possono utilizzare i fondi della loro carta in tutto il mondo.

Le carte di debito Bitcoin e litecoin sono la soluzione perfetta per i commercianti, partner IB, commercianti di opzioni binarie, servizi di hosting, servizi di progettazione e consulenza, blogger, proprietari di forum e chiunque altro che accetti cripto e-valute sui loro siti web e desidera ritirare fondi in modo veloce e sicuro.

Carte Unichange fisiche e virtuali possono essere ordinati in entrambe le valute EUR e USD.

I principali vantaggi delle carte Unichange:

  • Limiti di prelievo ATM fino a 90 mila USD/EUR al mese
  • Basso costo (carte fisiche a 9 dollari o 8 euro)
  • Transazioni POS illimitate (le carte possono essere utilizzate su AliExpress, Amazon, Taobao, eBay, ecc)
  • Finanziamento di saldo della carta con Bitcoin, litecoin, BTC-e codice e altri metodi sono disponibili

Se la carta non è disponibile in alcuni paesi, i metodi alternativi per il ritiro con crittografia sono disponibili anche sul sito Unichange.

A proposito di UniChange:

Unichange.me si sforza di coprire le esigenze dei loro clienti fornendo soluzioni uniche e universali per transazioni veloci e sicure in Bitcoin, litecoin e trasferimenti di e-valuta. La piattaforma è veloce e si sta costruendo una solida reputazione nell’ambiente e crede che non ci sia bisogno di pagare tasse irragionevolmente alte per un servizio di scambio affidabile.

Analisi Tenica: aggiornamento

BTCUSD Weekly
Il bitcoin ha rotto gli indugi ed è intenzionato ad andare sopra il massimo di Ottobre 2015, l’oscillatore che uso è passato positivo confermando l’inizio di un trend rialzista. Potete vedere nel grafico che la media ALMA in giallo ha finalmente girato al rialzo. Il target massimo per questo nuovo movimento settimanale dovrebbe essere la parte alta del canale tracciato nel grafico, circa 570 dollari per metà giugno, se dovesse esserci meno forza il target potrebbe comunque rimanere intorno ai 490-500 dollari.

Analisi Tenica: aggiornamento

BTCUSD
Il bitcoin sembra voler rompere gli indugi e pare intenzionato a rompere il lungo periodo speso tra i 375 e i 430 dollari. L’oscillatore che uso è ancora leggermente negativo ma credo che nelle prossime settimane tornerà in zona positiva confermando questo inizio di trend rialzista. Potete vedere nel grafico che la media ALMA in giallo sta finalmente girando al rialzo anch’essa. Il target massimo per questo nuovo movimento settimanale dovrebbe essere la parte alta del canale tracciato nel grafico, circa 560 dollari per metà giugno, vedremo ma se dovesse esserci meno forza il target sarebbe comunque intorno ai 490-500 dollari.

Firma d’investimento fissa il valore bitcoin a $655

Needham & Co. LLC, una società di investimento di New York ha iniziato a seguire il Bitcoin Investment Trust (BIT), dando un rating “buy” e un obiettivo di prezzo 62,00 $ (PT). Needham ha stimato il valore attuale per-bitcoin a $ 655. Ricordiamo che dieci azioni del fondo d’investimento BIT corrispondono a un bitcoin, da qui l’obiettivo di prezzo di 62$ dollari per azione corrisponde circa a 620$ per bitcoin.

BIT è sponsorizzato da “Grayscale Investments“, controllata da “Digital Currency Group” che investe nell’ecosistema blockchain e digitale. BIT è un trust privato, aperto che investe solo in bitcoin, quindi il valore si basa esclusivamente sul prezzo del bitcoin.

Needham, secondo un rapporto di 39 pagine che spiega il suo consiglio di acquisto con obiettivo $ 62 per azione, ritiene che il prezzo del bitcoin potrà trarre vantaggi sostanziali dalla crescente domanda per i suoi due casi d’uso principale come canale di pagamento alternativo e come “oro digitale”. domanda crescente è guidata da tendenze di mercato come ad esempio e-commerce in espansione, la globalizzazione, e la pervasività della tecnologia abilitante come i telefoni cellulari.

Il rapporto dice che Bitcoin è perturbare i mercati da trilioni di dollari in cambio di valore e pagamenti.

Come le azioni BIT share prenderanno valore

Le azioni BIT stanno beneficiando della crescita del valore in Bitcoin, il titolo sottostante a BIT. Sulla base della domanda prevista per il Bitcoin come canale di pagamento e di “oro digitale”, Needham stima un valore attuale di $ 655 a bitcoin, che equivale a un 62 $ per ogni prezzo delle azioni della BIT.

Aggregando le due fonti di domanda Bitcoin (come canale di pagamenti e come “oro digitale”) Needham stima una base monetaria per il 2020 pari a $ 34 miliardi di dollari. Data una stima di 18 milioni di bitcoin per il 2020, il prezzo richiesto del bitcoin nel 2020 per sostenere la domanda è stimato in circa $ 1896. Needham applica un tasso di sconto del 25% per arrivare ad un valore attuale per Bitcoin di $ 655, che equivale a un obiettivo di prezzo di $ 62 per azione del BIT.

Bitcoin Un’Innovazione Critica

Bitcoin e la sua tecnologia di base sono tra le più importanti innovazioni nei pagamenti in molti decenni a questa parte, se non secoli, osserva il rapporto. Simile a come Internet abbia creato una rete aperta globale per lo scambio di informazioni, Bitcoin e la sua tecnologia di base blockchain stanno consentendo una rete globale aperta per lo scambio di valore.

Tutti e quattro i segmenti principali: gli sviluppatori, i processori di transazione (minatori a protezione della rete), commercianti e consumatori – stanno dimostrando una crescita impressionante.

Cosa spinge il Prezzo del Bitcoin

La richiesta di Bitcoin come canale pagamenti supererà la domanda di Bitcoin come “oro digitale.” L’adozione più forte sarà come un canale alternativo di pagamenti per i pagamenti transfrontalieri e nei mercati emergenti.

Il documento entra nel dettaglio descrivendo i vantaggi del bitcoin in offerte di intermediazione e riducendo il costo delle transazioni di denaro. Essa va anche nel dettaglio delle caratteristiche favorevoli del bitcoin come moneta rispetto alla moneta a corso forzoso e oro.

Needham ha riconosciuto i limiti di capacità di carico di rete attuale della rete bitcoin. Ha rilevato che le soluzioni stanno emergendo per scalare la rete bitcoin e migliorare la capacità di output della rete.

Bitcoin Aiuta i pagamenti digitali

Mentre le altre reti di pagamenti in digitale-native hanno migliorato l’esperienza di scambio del valore digitale, tali soluzioni si basano in ultima analisi sulla pre-esistenti infrastrutture del sistema finanziario tradizionale. Queste reti hanno reso più facile l’utilizzo di queste infrastrutture, ma non hanno creato nuove infrastrutture. Bitcoin invece è una nuova infrastruttura di scambio di valori digitali.

Bitcoin è stata associata con alcune attività illecite ed è stato dipinto come anti-establishment o anti-governo, osserva il rapporto. Il punto essenziale, tuttavia, è che il bitcoin permette alle persone di essere pienamente in controllo del loro denaro e le transazioni che fanno ed è utilizzato per scopi ampiamente legittimi nella quasi totalità dei casi.

Vantaggi per gli investitori

BIT è disponibile per gli investitori accreditati e richiede un investimento minimo di $25000. Il Trust fa pagare 2% annuo per la custodia e l’amministrazione, come fee di gestione. Gli investitori possono vendere le azioni sul mercato secondario dopo un periodo di lock-up di 1 anno.

Il processo per l’aggiunta di nuove azioni sul mercato secondario è in qualche modo limitato. Di conseguenza, il prezzo delle azioni GBTC quotata in OTCQX può essere trattato con un premio o uno sconto dal valore nominale. Se il processo di rimborso di azioni fosse meno limitato, i livelli di sconti e premi sarebbero probabilmente dissipati come conseguenza delle opportunità di arbitraggio del mercato.

Gli investitori al dettaglio devono fare i conti con un premio pesante per le azioni negoziate in GBTC OTCQX (attualmente il premio è di oltre il 30%) che è difficile da prevedere o misurare. Quindi, gli investitori al dettaglio che preferiscono l’acquisto e sanno gestire la memorizzazione di bitcoin possono preferire l’acquisto dei bitcoin direttamente dal mercato OTC dei vari exchange.

Las Vegas vede un aumento nella distribuzione del bitcoin

La distribuzione di Bitcoin a Las Vegas ha preso piede. Las Vegas e bitcoin sembrano destinati l’uno per l’altro, sempre più aziende accettano pagamenti in criptovaluta. Las Vegas è una delle destinazioni di gioco e di intrattenimento più popolari del mondo e nel corso degli ultimi anni, molti visitatori a Las Vegas possono scambiare bitcoin per tutta Sin City, tra cui casinò, ristoranti, limousine, alberghi, barche, feste di addio al nubilato, e servizi di scorta.

Sempre più aziende a Las Vegas accettano bitcoin ogni mese, spesso si tratta di domande e offerte di lavoro retribuiti in btc. Sempre più persone vogliono spendere bitcoin per andare in vacanza a Las Vegas e le imprese vogliono raccogliere i loro frutti. Certamente, la conferenza bitcoin dello scorso anno tenuta sempre a Las Vegas ha portato nuovi motivi ed interesse per le aziende ad accettare pagamenti in criptovaluta.

Mentre sempre più appassionati di videogiochi guadagnano bitcoin su Internet, è naturale a Las Vegas per le imprese di gioco alla ricerca di nuovi modi per attirare l’attenzione del ppubblico. La maggior parte degli analisti finanziari dicono che la grande crescita del gioco d’azzardo su Internet sarà un bel mercato per chi utilizza bitcoin.

E ‘possibile prenotare un tour con bitcoin, prendere lezioni di volo, installare un impianto audio/video, andare sui go-kart, provare molti ristoranti locali, pagare per i servizi paesaggistici, farsi una nuova pettinatura, pagare le riparazioni auto o comprare un materasso sempre in criptovaluta. E ‘anche possibile usare Bitcoin per pagare uffici e servizi, un avvocato, o comprare metalli preziosi con bitcoin.

Bitcoin non è il paradiso della criminalità organizzata

Un simile allarme è sostanziato da fatti concreti? Da dati specifici? Poiché questi dati non ci sono, o almeno finora non sono emersi, proviamo a fare il punto della situazione

Spesso suonano le sirene dicendo che il bitcoin rischia di finanziare riciclaggio, mafia e terrorismo con le solite motivazioni sterili come che le transazioni non sono tracciabili o “l’emergenza è già scattata” come piace titotare a molti media italiani e non, spesso alcuni dei quali non avevano quasi mai trattato l’argomento prima.

Il rapporto annuale dell’Unità di informazione finanziaria (Uif) della Banca d’Italia segnala i rischi potenziali di una serie di soggetti e attività, dedica uno spazio al Bitcoin. “L’interesse dell’Unità è stato pure rivolto al possibile uso per finalità illecite di monete virtuali: sono in corso approfondimenti sul potenziale di rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo dei Bitcoin, anche in considerazione di alcune segnalazioni di operazioni sospette ricevute su anomale compravendite di tale strumento e delle iniziative che si vanno definendo in sede internazionale”.

Si cita anche il rischio della volatilità, non sapendo che l’indice di sortino aiuta a capire il rapporto tra volatilità buona (quella che va a tuo favore) e quella cattiva (che va contro di te) e che nel caso del bitcoin è più favorevole rispetto ad altri investimenti tradizionali. Osservazioni che si congiungono al parere emesso dalla European Banking Authority che si occupa di assicurare un livello di regolamentazione e di vigilanza prudenziale sul settore bancario europeo che aveva evidenziato una serie di pericoli e problemi legati a Bitcoin, molti dei quali connessi all’utilizzo da parte degli utenti: furto di identità, perdita di password, bancarotta dei siti di cambio e così via.

Un altro fatto sono invece le dichiarazioni del procuratore generale di Roma, Luigi Ciampoli: “L’uso di Bitcoin per le transazioni online non offre chiarezza nella tracciabilità e può essere strumento per riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo e delle mafie, e in generale, traffici illeciti”.

Da qui è partito il tam tam Bitcoin-mafia-criminalità organizzata-terrorismo e chi più ne ha più ne metta.

La Bitcoin Foundation Italia ha replicato mostrandosi sorpresa della segnalazione dell’istituto e si chiede a cosa faccia riferimento la frase del documento che parla di “alcune segnalazioni di operazioni sospette ricevute su anomale compravendite di tale strumento”, dal momento che in passato a più riprese “c’è stato il tentativo di interpellare direttamente e indirettamente Banca d’Italia, per informare e condividere informazioni, senza ricevere alcuna risposta formale o informale”.

La bitcoin foundation italia precisa anche “Ogni singola transazione [di Bitcoin] viene registrata sulla banca dati Blockchain, in maniera condivisa, pubblica e liberamente scaricabile su tutta la rete dei nodi. Ogni transazione (lecita o illecita che sia) rimane visionabile a costo zero e “per sempre” su questa banca dati; pertanto ogni operazione se analizzata con gli adeguati strumenti può essere facilmente tracciata e dimostrata nelle sedi competenti. A riguardo si cita la ricerca della Cornell University. Questa ricerca dimostra, in poche parole, che utilizzare il Bitcoin per scopi illeciti è perfino più rischioso di usare denaro elettronico o trasferimenti bancari”.
Se la bitcoin foundation italia ci rassicura, perche non credergli?

Un’altra delle questioni trascurate dallo scenario allarmista, oltre al funzionamento stesso della criptomoneta, sono i volumi di traffico. Incomparabilmente inferiori a quelli mossi anche dalla sola economia criminale su euro, dollaro e le altre monete a corso legale. Le stime che circolano sui ricavi complessivi solo della nostra criminalità mafiosa oscillano tra i 27 e  i 138 miliardi di euro quando il bitcoin stesso nel suo insieme non vale più di 5 miliardi di euro, fate voi le proporzioni, il solito allarmismo ingiustificato dei media solo per raccogliere qualche click pubblicitario in più.

Allo stato attuale quindi sembra di poter dire che l’allarme su Bitcoin è più un fenomeno mediatico che una notizia nata da elementi concreti. E se l’attenzione e la discussione sulle criptomonete sono certamente salutari, forse si possono spegnere le sirene, per buona pace di Ulisse.

Page 1 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén