Date: 29 aprile 2016

La commissione parlamentare UE e le valute virtuali

L’importanza delle valute virtuali e la sua tecnologia di base blockchain è stata riconosciuta dall’Unione Europea con conseguenti prospettive favorevoli del Parlamento europeo verso l’industria delle criptovalute. Il recente rapporto pubblicato dal Parlamento europeo mette in luce la loro posizione verso le valute virtuali.

Il rapporto sulle valute virtuali e la tecnologia di moneta virtuale è stato pubblicato dalla commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori la scorsa settimana. Il rapporto è pensato per il consumo e la considerazione da parte della commissione parlamentare europea per i problemi economici e monetari .

In questa relazione, la commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori indica chiaramente i vari vantaggi delle valute virtuali, con l’intenzione di influenzare eventuali regolamenti futuri della moneta virtuale redatto dal Comitato economico e monetario, applicabili per l’Unione europea.

La maggior parte dei punti contenuti nella relazione sono già ben noti alla comunità delle criptovalute ma questo pezzo di comunicazione ufficiale sarà utile per influenzare i funzionari coinvolti nella redazione e attuazione della legislazione per le monete virtuali per conto degli utenti e dei consumatori in generale.

Alcuni dei punti elencati nel rapporto sono i seguenti:

  • valute virtuali e la tecnologia dietro di esse sono ancora nelle sue prime fasi di crescita e sviluppo. Essendo una tecnologia relativamente nuova, non può essere confrontata con altre tecnologie convenzionali esistenti. La moneta digitale è noto che può offrire un sacco di benefici per i consumatori, imprese, enti di beneficenza e anche le economie mondiali. La tecnologia di moneta virtuale è nota per promuovere tempi di transazione più veloci a costi minori rispetto ai metodi convenzionali di trasferimento di fondi.
  • La tecnologia di moneta virtuale ha il potenziale per offrire servizi finanziari alternativi al unbanked e underbanked, promuovere l’inclusione finanziaria a tutti. Inoltre, è anche una grande influenza sulle piccole e medie imprese, fornendo loro l’accesso ai finanziamenti e le risorse finanziarie.
  • Fino ad ora, i costi associati per micropagamenti con metodi finanziari convenzionali è stato impossibile. Ma ora è possibile con le valute virtuali come le spese di transazione ad essi associati che sono trascurabili. La stessa funzione consente anche operazioni transfrontaliere redditizie, in cui il destinatario sarà in grado di ricevere quasi il 100 per cento dei fondi trasferiti, senza alcuna tassa di transazione transfrontaliera e commissione di conversione in valuta estera.
  • L’uso della tecnologia blockchain è ora prevista da quasi tutti i settori industriali, con banche e settori finanziari in prima linea. La stessa tecnologia può essere sfruttata dai settori governativi e nei servizi pubblici, nonché, fornire servizi veloci e più efficienti ai cittadini dell’Unione europea mediante l’attuazione di contratti intelligenti e incoraggiando le transazioni in valuta virtuale.
  • Anche se ci sono stati preoccupazioni circa l’uso di valute virtuali e la sua tecnologia di base per attività illegali, non ci sono prove sufficienti per sostenere queste preoccupazioni, quindi sarà prematuro concludere che le valute virtuali rappresentano una minaccia significativa per la legge e l’ordine.
  • Allo stesso tempo, ci sono segnalazioni di utenti in valuta virtuale nel mirino di scamsters e hacker. Così, invece di regolare le valute digitali, il governo dovrebbe lavorare per l’attuazione di garanzie adeguate per proteggere gli interessi degli utenti della moneta digitale.

Inoltre, il Comitato riconosce anche alcune delle minacce valute virtuali possono rappresentare per l’economia del Paese come i suoi aumenti di utilizzo tra le persone. Le preoccupazioni circa un aumento della volatilità delle valute digitali sono inclusi nello stesso rapporto.

A dispetto di tutti questi argomenti, è difficile prevedere l’esito della rivoluzione moneta digitale e le eventuali politiche di regolamentazione a lungo termine creati dal governo e legislatori a questo punto può finire soffocare l’innovazione nel settore. Mantenere i potenziali vantaggi delle tecnologie di valute virtuali in mente, è importante per i governi a creare un ambiente favorevole per l’innovazione nel settore tenendo d’occhio lo sviluppo.

Invece di introdurre leggi più severe, sarà più sensibile per creare consapevolezza circa il settore moneta digitale tra le masse. Qualsiasi normativa in materia di valute virtuali, sia create dalla stessa Unione Europea o dei suoi paesi membri, dovrebbero prendere in considerazione tutti i fattori menzionati nella relazione e di ottenere una comprensione completa della moneta virtuale e la tecnologia blockchain prima di andare avanti con essa.

Questo è uno dei rapporto più completi creati sul futuro delle valute digitali e le cose che devono essere considerate prima di implementare normative sulla moneta digitale. Se questo rapporto creerà un impatto sufficiente per influenzare la commissione per gli affari economici e monetari nella sua decisione sulla normativa moneta digitale è qualcosa che solo il tempo potrà dirlo.

Western Union investe in Bitcoin-Centric Digital Currency Group

Il gigante Western Union è il nuovo investitore del Digital Currency Group, in un nuovo round di finanziamento.

Digital Currency Group (DCG) è ben gradita di accettare nuovi investitori come la Pechino HCM International Co., una filiale di Foxconn Ltd., che si è concentrata sugli investimenti e una serie di fondi tra cui Gibilterra Ventures, OMERS Ventures, Orizzonte Kinetics, Kingsbridge Wealth Management e Wood Investment Partners.

I termini e le quantità di investimenti per il round di finanziamento non sono ancora stati resi noti in un annuncio scritto da Barry Silbert , fondatore di DCG.

In una dichiarazione, Silbert ha condiviso le sue opinioni circa i nuovi investitori di DCG.

I nostri investitori ora coprono diversi segmenti del settore finanziario, dalle banche alle compagnie di assicurazione per le aziende globali di trasferimento di denaro e di pagamento che vedono il potenziale delle valute digitali e le loro numerose applicazioni.

Esso comprende anche le aziende manifatturiere e le aziende dei media che cercano di sfruttare le valute digitali e libri distribuiti (blockchain) per creare nuovi livelli di efficienza nella loro attività e costruire nuovi prodotti e servizi che rendono la circolazione di beni e moenta in tutto il mondo in un istante, senza attrito e veramente senza limiti.

Aggiungere personale chiave e consiglieri

Con l’annuncio, DCG anche nominato due nuovi membri del consiglio a Glen Hutchins, il co-fondatore della società di private equity Silver Lake Partners e un direttore di AT & T e Nasdaq, nonché direttore della Federal Reserve Bank di New York.

Hutchins, che è anche parte-proprietario di NBA franchising Boston Celtics ha detto:

La tecnologia Bitcoin ha il potenziale, tra molti altri impatti che avrà, per trasformare il sistema di pagamento globale e DCG si propone di essere una forza centrale in questo processo di cambiamento.

Lawrence Lenihan, co-fondatore e co-CEO della firma di investimento “Resonance” entra a far parte del consiglio, facendo in totale un board di 3 membri compreso Silbert.

In particolare, DCG vedrà anche lo sviluppatore bitcoin Gavin Anderson aderire come senior advisor. Così pure, sarà il Dr. Lawrence H. Summers, ex segretario al Tesoro sotto il presidente Clinton. Egli è anche il direttore del Consiglio Economico Nazionale per il presidente Obama.

Dr. Summers ha aggiunto che “le valute digitali, blockchain e ‘internet di valore’ contribuirà a creare nuove piattaforme”, che consentiranno l’inclusione finanziaria con potenziale una delle tecnologie “che potrebbero andare lontano con l’adozione di massa.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén