Month: luglio 2016

satoshilogo

SatoshiPay e Visa Europe in partnership per un test di micropagamenti con Bitcoin

SatoshiPay , la startup di micropagamenti attraverso bitcoin, sta sviluppando un nuovo proof-of-concept con l’unità di innovazione tecnica di Visa Europe.

I lavori per il progetto sono stati divulgati all’inizio di quest’anno , quando Visa Europe Collab ha detto che stava esplorando i micropagamenti Bitcoin per i dispositivi collegati in rete. A quel tempo, l’azienda ha indicato che stava guardando i vari casi d’uso, come le lampadine intelligenti (smart light bulb) che potevano pagarsi il proprio consumo di energia elettrica.

Il concetto, secondo il fondatore di SatoshiPay Meinhard Benn, prevede l’integrazione della tecnologia della startup con pagamenti con carta Visa, consentendo micropagamenti automatici dal conto Visa di una persona avente un portafoglio SatoshiPay.

Benn ha detto che il proof-of-concept cerca di “stabilire un metodo più sicuro per acquistare piccole quantità di Bitcoin utilizzando di carte di credito e di debito”.

Ha dichiarato recentemente:

“Durante il PoC (proof-of-concept ), stabiliremo un metodo più sicuro per acquistare piccole quantità di Bitcoin utilizzando carte di credito e di debito. Con un processo per i pagamenti Fiat in luogo, ci saranno anche altri metodi di pagamento locali come addebito diretto o bonifico bancario immediati.”

Benn ha detto che Visa prevede di lavorare con la sua azienda per merglio esplorare come la sua tecnologia possa essere utilizzata per i pagamenti machine-to-machine e dispositivi IoT (internet of things – internet delle cose). Altri piani includono uno studio futuro sull’utente condotto in collaborazione con Visa Europe Collab su micropagamenti per contenuti web.

Il progetto non è una incursione di Visa Europe Collab nel mondo bitcoin. L’anno scorso, l’azienda ha presentato un concetto di applicazione per i pagamenti in rimessa sviluppata in collaborazione con Epiphyte. Visa Europe non è immediatamente disponibile per un commento sulla notizia.

Grafico giornaliero XBTUSD @bitfinex exchange

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale

Grafico giornaliero XBTUSD @bitfinex exchange

Grafico giornaliero XBTUSD @bitfinex exchange

XBT/USD range settimanale $640-$710 | la media mobile giornaliera ALMA è leggermente a ribasso e il supporto principale è sempre la VWAp a circa $640. XBTUSD resiste sopra la VWAP da un mese esatto, stiamo parlando quindi di una fase laterale ormai dichiarata, per i trader di breve periodo suggerisco di tradare quindi supporti e resistenze del range indicato (tra 570 e 780 dollari). La zona di resistenza è $710-780, penso che il cross XBTUSD rimarrà sopra i 640 dollari anche questa settimana con una prima resistenza a circa 680 dollari. La volatilità  ormai ai minimi di periodo e questa fase di compressione dovrà risolversi prima o poi con un breakout sopra o sotto il range di prezzo definito dalle linee di deviazione della VWAP indicate nel grafico. La previsione settimanale resta quindi invariata, penso che continueremo a vedere il bitcoin confinato in questo range di prezzo, tra 640 e 710 dollari.

L’oscillatore RSI rimane in posizione neutrale intorno ai 50 anche se sta lentamente orientandosi per un movimento al rialzo.

Analisi tecnica XBTUSD

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale

Analisi tecnica XBTUSD

Grafico giornaliero XBTUSD @bitfinex exchange

XBT/USD range settimanale $635-$710 | la media mobile giornaliera ALMA è passata al rialzo e il supporto principale è sempre la VWAp a circa $635. XBTUSD resiste sopra la VWAP da ormai quasi un mese. La zona di resistenza è $710-800, penso che il cross XBTUSD rimarrà sopra i 635 dollari questa settimana con un primo supporto a circa 670 dollari che corrisponde alla media ALMA che utilizziamo. Si tratta di vedere se il mercato riuscirà a spingere il bitcoin oltre la resistenza di 710 dollari, la volatilità dopo un periodo di contrazione è nuovamente aumentata e l’ha fatto spingendo al rialzo i prezzi anzichè al ribasso, una nota positiva che lascia sperare in una rottura sopra 710 dollari.

L’oscillatore RSI rimane in posizione neutrale intorno ai 50, per adesso non sembra ci sia un trend al rialzo abbastanza forte da lasciar pensare a una rottura sopra 710$.

SolidX sta per lanciare un Bitcoin ETF alla Borsa di New York

SolidX Partners Inc., una società specializzata in servizi di identità blockchain-based, si è registrata presso la Securities and Exchange Commission (SEC) per lanciare SolidX Bitcoin Trust, un fondo negoziabile in borsa ( ETF ) che fornirà agli azionisti un’esposizione quotidiana del prezzo in dollari USA del Bitcoin misurata dall’indice xbx TradeBlock.

Logo Nyse Arca

Logo dell’exchange Nyse Arca

La società ha annunciato sul suo sito web che il Trust si quoterà al New York Stock Exchange con il simbolo “XBTC”. Non sarà gestito attivamente. Il SolidX Bitcoin Trust segue il concetto del Winklevoss Bitcoin Trust o Bitcoin ETF, che ha presentato la richiesta di quotazioe presso la SEC nel luglio 2014, e recentemente ha presentato una richiesta all’exchange BATS Global Markets.

 

ETF utilizzara xbx Price Index

Il SolidX Bitcoin Trust utilizzerà il prezzo dell’indice xbx per determinare il valore patrimoniale netto giornaliero, fornendo alle parti interessate un punto di riferimento preciso e affidabile per il prezzo del bitcoin. Una volta approvato, le azioni della SolidX Bitcoin Trust  si potrannos cambiare al NYSE Arca, l’exchange più grande al mondo per l’oro ETF, SPDR Gold Trust (GLD).

Si potrà accedere ad una versione elettronica della dichiarazione di registrazione per il SolidX Bitcoin Trust attraverso il sito web della SEC all’indirizzo www.sec.gov.

Indice xbx di TradeBlock è diventato il tasso di riferimento istituzionale per il prezzo del bitcoin, ed è progettato per soddisfare le esigenze dei commercianti e fornitori di ETF. Il valore dell’indice è un tasso calcolato una volta al secondo sulla base di attività di negoziazione di diversi exchange Bitcoin.

L’Indice xbx da un maggiore peso agli scambi più liquidi per massimizzare la replicabilità del tasso indice in mercati spot al vivo. Esso filtra algoritmicamente gli scostamenti di prezzo causati da anomalie del mercato e tentativi di manipolazione in tempo reale.

Il protocollo di governance xbx Index e la metodologia di calcolo si basano sui principi IOSCO per parametri di riferimento finanziari, che garantiscono ulteriormente la natura imparziale e l’affidabilità del tasso di riferimento. Più di 100 milioni di $ di asset derivati si basano su xbx come tasso di riferimento.

steemit

Steem sale del 1000%, superando litecoin, ma può funzionare?

Steem, una nuova moneta digitale creata per incentivare l’uso di Steemit, un nuovo esperimento di social media, è esplosa in questi ultimi giorni, prendendo il terzo posto dopo Ethereum nell’elenco delle criptovalute più capitalizzate, con un valore di mercato di oltre $ 300 milioni, ma può questa realtà diventare stabile e utile o è solo una moda passeggera?

Ned Scott, CEO di Steemit, ha descritto così la piattaforma:

Un sito web di social media costruito completamente con la blockchain pubblica di Steem , che porta tutti i vantaggi di una criptovaluta e immutabilità dei social media. Oltre a ciò, gli utenti vengono pagati per inviare articoli e votare gli altri, simile a come i minatori oggi si fanno carico del Bitcoin.

La piattaforma ha suscitato crescente interesse con più di 2000 utenti attivi. Negli ultimi giorni, ha iniziato ad attirare l’attenzione tradizionale grazie al suo esperimento per incentivare la produzione di contenuti e di voto degli stessi da parte degli utenti. Essa ha anche attirato un seguito con alcuni utenti, come ad esempio pfunk , dicendo che trovano la piattaforma “abbastanza redditizio, divertente.

“Credo che la sua più grande qualita è che incoraggia la creatività con una comunità interattiva e con incentivi finanziari.”

L’esperienza utente lascia molto a desiderare con il processo di invio che richiede molto più clic di reddit e gli utenti non sono in grado di collegarsi direttamente a un titolo, ma questi problemi di interfaccia utente possono essere abbastanza facili da risolvere. Incentivare discussioni di qualità nelle interazioni sociali attraverso il denaro è un problema molto più difficile.

Dal punto di vista tecnico, l’algoritmo di voto è completamente pubblico. Per gioco, richiede circa due minuti per chiunque sia in grado di codificare del codice. Anche se il whiteppaer di Steem, che è privo di ogni spiegazione tecnica, dice che ci sono numerose misure per combattere eventuali collusioni nei voti, tutte queste misure sono pubbliche.

Reddit utilizza misure incredibilmente complesse per combattere il gioco sui voti per far prevalere dei post su altri, pur avendo un algoritmo nascosto che comunque molto spesso fallisce. I guadagni possono essere notevoli mentre il costo quasi inesistente.Pertanto, molti sono fortemente motivati a trovare le regole esatte dell’algoritmo nascosto per tentativi ed errori allo scopo di creare dei bot legittimi.

Steem crea un problema ancora più difficile – ottenere il giusto equilibrio nell’incentivare un comportamento intrinseco, come la condivisione, chat, farsi coinvolgere in discussioni pubbliche, etc. il motivo principale per l’utilizzo di steem piuttosto che, diciamo, reddit, è a causa del pagamento diretto, ma quando il denaro è coinvolto le persone tendono a diventare più egoiste, più strettamente razionali e sono più propense a trascurare l’etica o la morale.

Il mio primo post sulla piattaforma è stata una delle più grandi notizie dell’anno. Ho pubblicato sul sito immediatamente dopo l’articolo è stato pubblicato, ma ha guadagnato pochi voti. Invece, è stato copiato in poche ore e il post copiato ha guadagnato molta più attenzione, anche se presentato molto più tardi.

Sulla piattaforma è improbabile, quindi, che diventi un luogo dove le persone casualmente presentano o commentano articoli ottenendo poi grossi guadagni. Per gli utenti comuni, la condivisione di qualcosa di interessante è probabile che sia una esperienza noiosa e fastidiosa visto che nessuno vorrà vedere la loro presentazione che ha raccolto solo un centesimo di dollaro. Gran parte del contenuto, di conseguenza,viene lasciato a professionisti o ai bot col risultato di non avere una comunità ricca e onesta.

Ci sono alcuni spazi in cui il denaro non dovrebbe avere un ruolo diretto. Se un utente viene pagato per leggere, l’esperienza di lettura cambia. Se un utente viene pagato per condividere, la sua esperienza di condivisione cambia. Se un utente è pagato per commentare, la sua esperienza di commentatore non è più la stessa. Steem rischia di trasformarsi in lavoro con l’attenzione non sul relax o passare il tempo, ma passando attraverso contenuti noiosi per trovare quello che guadagnerà più voti e quindi più soldi.

grafico giornaliero @bitfinex exchange

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale

grafico giornaliero @bitfinex exchange

Grafico Giornaliero @Bitfinex Exchange

XBT/USD range settimanale $625-$710 | la media mobile giornaliera ALMA è ancora leggermente ribassista e il supporto principale è sempre la VWAp a circa $625. XBTUSD resiste sopra la VWAP e più volte il prezzo ha tentato di perforlara senza particolare successo, supporto appunto che è stato rotto lievemente in alcuni casi e poi è stato velocemente recuperato. La zona di resistenza è $710-800, penso che il cross XBTUSD rimarrà sopra i 625 dollari questa settimana, in caso contrario vedo l’area di supporto $540-$580 come molto importante.

L’oscillatore RSI dopo aver sfiorato l’area di ipervenduto è rimbalzato e ora viaggia in zona neutra intorno a 50. Il dimezzamento del valore del blocco da 25 a 12.5 bitcoins per ora non ha portato ad aumenti della volatilità.

background bitcoin halving event

Bitcoin Halving: i pareri degli esperti del settore

Il giorno del dimezzamento è passato ed è certo influenzare il prezzo del bitcoin in un momento in cui il valore della criptovaluta è salita quasi del 50% dall’inizio dell’anno.

E ‘il giorno del secondo dimezzamento del valore del blocco nella storia di Bitcoin, passando da 25 a 12.5 btc per blocco. Gli esperti del settore hanno espresso la loro opinione sull’evento.

Sheffield Clark, CEO della rete di Bitcoin ATM Coinsource è rialzista sugli effetti immediati sui prezzi indotti dal dimezzamento.

Credo che porterà sicuramente delle spruzzate di volatilità con la possibilità di un bel trend verso l’alto. L’impatto reale sarà solo di 1800 btc prodotto in meno al giorno ossia $ 1.2 milioni di dollari ai prezzi correnti, ma l’impatto più grande sarà probabilmente la percezione che ne avrà il mercato.

Un evento di tale importanza storica attirerà senza dubbio in una certa misura l’attenzione dei media, e si trova quindi ad innescare la paura degli investitori di rimanere fuori dal business, spingendo così i prezzi verso l’alto.

Al netto di tutto io sono fiducioso.

Lui inoltre ritiene che i minatori Bitcoin saranno preparati per il dimezzamento, in quanto l’evento stesso non avrà un grande impatto sui minatori, a prescindere dai movimenti di prezzo in entrambe le direzioni.

Lui ha dichiarato:

Al 5 luglio 2016, il prezzo di $ 670, valore in dollari al netto dei bitcoin estratto al giorno del post-dimezzamento è di $ 1.206 milioni di dollari. Il 5 luglio 2015, al prezzo di $ 277, valore in dollari al netto dei bitcoin estratti al giorno prima del dimezzamento è stato di $ 0,997 milioni di dollari.

In ultima analisi, i minatori sono già stati in situazioni simili quando il prezzo del btc era piu’ basso quindi sono preparati per questo tipo di fluttuazioni delle loro entrate.

Luis Molina, fondatore e CEO di piattaforma P2P blockchain Fermat vede realzi futuri sul valore di 1 bitcoin.

Negli ultimi mesi, abbiamo già visto il mercato reagire, in una certa misura, riguardo al dimezzamento del bitcoin. L’ascensione dei prezzi che si è verificata da sola indica che il mercato ha in parte scontato il dimezzamento con questi rialzi degli ultimi tempi.

Molina vede anche spazio per un aumento degli start-up Bitcoin e blockchain, in caso di aumento dei prezzi.

Qualora il prezzo dovesse salire e stabilizzarsi in qualche modo a un nuovo livello di prezzo, nuove società entreranno a far parte dell’ecosistema.

Gene Kavner, fondatore e CEO del portafoglio bitcoin iPayYou opina che l’effetto del dimezzamento del blocco del bitcoin è gia stato scontato nel recente rally dei prezzi. Egli è anche rivolto al tasso di estrazione mineraria come un buon indicatore per misurare realmente l’influenza dell’effetto sul prezzo, dopo il dimezzamento.

Il prezzo di questo dimezzamento è, molto probabilmente, già incluso nel prezzo corrente del bitcoin. La grande domanda è, se il dimezzamento avrà un effetto negativo sui minatori bitcoin che svolgono le conferme delle transazioni.

A mio parere, la metrica da guardare è il tasso di hash della rete mineraria bitcoin dopo il dimezzamento.

Se diminuisce improvvisamente, è del tutto possibile che il prezzo del Bitcoin cadrà. Se il tasso di hash continua la sua tendenza al rialzo dimostrandoci di non esistere nessun effetto negativo sui minatori allora il prezzo del bitcoin è molto probabile destinato ad andare verso l’alto.

Gene Kavne è anche convinto che il futuro del Bitcoin alla fine sarà determinato dalla sua adozione.

Nel lungo termine, il dimezzando di per sé non avrà alcun effetto. Bitcoin crescerà in base alla sua facilità d’uso nel commercio e la domanda sulla sua natura unica , la riserva di valore e il consenso globale per la blockchain bitcoin come strumento per altri servizi incentrati su di essa.

Rik Willard, fondatore e amministratore delegato di Agentic Group , un consorzio globale di bitcoin e aziende blockchain e associazioni non profit ci illustra come lui vede il movimento immediato del prezzo del bitcoin dopo il dimezzamento.

Rik ha dichiarato:

Credo che, come un frazionamento azionario, l’effetto immediato sarà un dimezzamento del valore per Bitcoin. Tuttavia, a differenza di un frazionamento azionario, penso che vedremo un voto accelerato di fiducia della rete che si rifletterà in un aumento del prezzo di ben il 10-20%. Questo potrebbe accadere all’interno di minuti o ore dopo il dimezzamento.

Egli ritiene che l’effetto del dimezzamento porterà ad un aumento dell’attività di estrazione.

A lungo termine, si potrebbe creare più valore e stimolare un aumento significativo nel settore minerario. Questo non può essere grande, perché l’estrazione è diventata così tanto un gioco a somma zero in questi giorni con servizi mega come quelli in Cina e in altri luoghi dove spendono milioni di dollari per ottenere pochi blocchi.

commissione europea

Commissione Europea: tentativi di ridurre l’anonimato delle transazioni di valute virtuali come il bitcoin

In una proposta di oggi, la Commissione europea – il braccio esecutivo dell’Unione Europea – ha proposto norme più severe sull’uso delle valute virtuali come bitcoin.

Adducendo motivi di terrorismo e riciclaggio di denaro, la Commissione europea ha proposto norme più severe per l’uso di valute virtuali, ha rivelato oggi un comunicato stampa ufficiale .

I cambiamenti vedranno le valute digitale e fornitori di portafoglio cadere sotto la competenza delle direttive sul riciclaggio di denaro (AMLD). Tale mossa cercherà di porre fine all’anonimato associato con le operazioni in valuta digitali.

Le norme proposte saranno inoltre stringere supervisione regolamentare sulle carte prepagate. La Commissione propone di “ridurre al minimo l’uso di pagamenti anonimi attraverso carte prepagate.” Alllo scopo di farlo verranno abbassate le soglie per l’identificazione durante gli acquisti con carta prepagata da € 250 a € 150. Inoltre, si cercherà anche di ampliare il campo di applicazione dei requisiti di verifica e l’aggiunta di KYC (know your customer) procedure.

“Le proposte odierne con le autorità nazionali di aiuto per rintracciare le persone che nascondono le loro finanze al fine di commettere crimini come il terrorismo” primo vice-presidente della Commissione europea, ha dichiarato Frans Timmermans. “Gli Stati membri saranno in grado di ottenere e condividere informazioni vitali su chi possiede veramente società o trust, che si occupano di valute on-line, e che utilizzano carte prepagate.”

commissione europea

Commissione Europea

La Commissione sta sottolineando nella sua proposta la sua intenzione di frenare il finanziamento al terrorismo. Senza mezzi termini, si dice che:

Affrontare i rischi di finanziamento del terrorismo legati alle valute virtuali: per prevenire l’abuso di valute virtuali per il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, la Commissione propone di sottoporre le piattaforme di cambio di valute virtuali e fornitori di servizi wallet nell’ambito di applicazione della direttiva sul riciclaggio di denaro.

Queste entità dovranno applicare controlli adeguati e verifiche della clientela quando si scambiano valute virtuale per le valute reali, mettendo fine all’anonimato associato a tali scambi.

L’ultima proposta è la continuazione di un piano di messa in moto ai primi di febbraio 2016, quando la Commissione europea ha proposto un piano d’azione che ha la priorità di mettere fine alll’anonimato delle operazioni in valuta digitali.

L’attuale AMLD, a partire da maggio 2015, non include alcuna fonte o menzione di valute digitali, come bitcoin.

Le proposte avanzate oggi dalla Commissione Europea avranno bisogno di approvazione da parte degli Stati membri dell’UE e il Parlamento dell’Unione Europea prima che diventino legge.

Il Parlamento UE ha già approvato una proposta da fine febbraio per installare una task force bitcoin- e blockchain-centric supervisionata dalla Commissione europea. Approvato nel maggio 2016, la task force cercherà di studiare e comprendere i rischi e le opportunità di valute virtuali e blockchain o la tecnologia di contabilità distribuita.

Nessuna evidenza di Bitcoin Utilizzata nel finanziamento del terrorismo dalla Commissione Europea

La spinta a regolare e introdurre norme severe per le transazioni in valuta virtuale arriva nonostante un rapporto delle forze dell’ordine dell’Unione europea, Europol, notando che non vi era alcuna evidenza di bitcoin utilizzato per il finanziamento del terrorismo. Il rapporto che è stato deliberato e ha indicato che dopo gli attacchi terroristici di Parigi nel novembre 2015:

Nonostante segnalazione di terzi che suggeriscono l’uso di valute anonime come Bitcoin dai terroristi per finanziare le loro attività, questo non è stato confermato dalle forze dell’ordine.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén