Month: febbraio 2017

Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 27 Febbraio 2017

XBTUSD grafico giornaliero

XBTUSD grafico giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale a 1025$-1270$ | Anche questa settimana il cross XBTUSD è stato più forte del previsto quindi per questa settimana propongo qualcosa di diverso per il calcolo dei livelli dalla nostra media di riferimento bimestrale VWAP. La zona di resistenza è più ampia e sale verso i 1270$, il supporto resta la VWAP a 945$ anche se più probabilmente il livello intermedio a 1025$ reggerà eventuali correzioni intraday, la media ALMA resta solida al rialzo.

L’oscillatore RSI è ritornato in zona di ipercomprato e in sostanza ci conferma che il mercato è forte ma che comunque un top di percorso potrebbe essere in formazione.

Per il calcolo delle linee di deviazione della VWAP ho raddoppiato il coefficiente di volatilità questo perchè è da qualche settimana che la volatilità resta su valori alti e spesso il mercato ha sfondato queste linee di resistenza. Per curiosità vostra la terza linea di deviazione passa a 1432$.

In caso di caduta estrema l’area di supporto si aggiorna a 665-775 dollari statunitensi.

Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 20 Febbraio 2017

XBTUSD grafico giornaliero

XBTUSD grafico giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale a 935$-1095$ | La scorsa settimana il cross XBTUSD è stato più forte del previsto quindi per questa settimana la resistenza sale verso i 1100$, il supporto resta la VWAP a 935$, la media ALMA ha girato al rialzo  con la rottura della resistenza di settimana scorsa a 1015$.

L’oscillatore RSI ha dato un segnale di vendita che non è stato rispettato a conferma della forza del cross bitcoin dollaro. L’RSI ha comunque stornato un pò dalla zona di ipercomprato ed è rimasto sopra il punto intermedio di 50, restando quindi in territorio rialzista.

In sintesi il mercato è forte ed ha ignorato le mie preoccupazioni ribassiste del precedente update; per quanto riguarda la mia posizione di lungo periodo aperta a partire dal 2014 continuo a mantenerla finchè non vedrò serie indicazioni ribassiste sul grafico settimanale e mensile. Ricordo a tutti che il prezzo medio di carico della mia posizione è intorno a 570 dollari (tre entrate effettuate a 681$, 615$ e 417$).

In caso di caduta estrema l’area di supporto si aggiorna a 650-760 dollari statunitensi.

Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 13 Febbraio 2017

XBTUSD grafico giornaliero

XBTUSD grafico giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale a 860$-1015$ | Questa settimana il cross XBTUSD lo vedo sempre un pò debole ora che la media ALMA ha girato al ribasso e l’oscillatore RSI è a un passo dal dare un segnale ribassista.

Un test sotto la VWAP, sotto i 940$ non è cosi impossibile; in caso di caduta credo che $860 dovrebbe reggere come primo supporto.

Per la resistenza è valida la prima linea di deviazione sopra la VWAP a circa 1015$.
Ricordo che comunque finchè il prezzo resta sopra la nostra media VWAP il trend rialzista di medio periodo resta intatto.

In caso di caduta estrema l’area di supporto si colloca dai 635 ai 735 dollari statunitensi.

Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 6 Febbraio 2017

XBTUSD grafico giornaliero

XBTUSD grafico giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale a $885-$1090 | Finchè il cross XBTUSD resta sopra la VWAP di medio termine a 2 mesi non vedo particolarmente a rischio il trend al rialzo in corso. La media ALMA è al rialzo da venti giorni e il prezzo è entrato nella zona di resistenza pubblicata nel precedente update. Vedo difficile un ulteriore rialzo sopra i 1090 dollari per questa settimana anche considerando la media dell’oscillatore RSI in zona di ipercomprato da qualche giorno, penso che le probabilità di una correzione siano aumentate ma il minimo dovrebbe formarsi sopra la VWAP, sopra gli 880 dollari.

Per il supporto è valida la VWAP stessa che si è aggiornata a 885$ anche se prima vedrei come supporto intermedio i  940$.

In caso di caduta estrema l’area di supporto si colloca dai 600 ai 700 dollari statunitensi.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén