Tag: cboe

Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 26 Dicembre 2017

XBTUSD Grafico Giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale 14300$-17500$ | Per questa settimana ritorno a un livello di volatilità più basso per il calcolo delle linee di deviazione della media a volumi, abbiamo così una terza e quarta linea di deviazione non così lontane come lo erano nei precedenti aggiornamenti. Il trend resta saldamente al rialzo anche perchè il minimo fatto a 11000 dollari è nettamente più alto di quello del 12 Novembre scorso fatto a 5600 dollari circa; mi aspetto quindi un nuovo massimo nelle settimane a seguire sopra i 20000 dollari.

Per la zona di resistenza il range più probabile resta quello che va da 17k a 21k dollari, per la zona di supporto abbiamo il range da 11000$ a 14300$.

 

L’oscillatore RSI ha scaricato portandosi quasi in zona di ipervenduto con la sua media a circa 47 che deve ancora girare al rialzo, potrebbe confermare l’inversione di tendenza in corso.

Nel caso di un evento catastrofico inatteso l’area di supporto sul grafico settimanale sale a 4300-5800 Dollari Statunitensi.
Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 18 Dicembre 2017

XBTUSD – Grafico Giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale 15600$-23000$ | Anche questa settimana propongo due zone di supporto/resistenza asimmetriche. Il trend resta saldamente al rialzo ragion per cui la zona di supporto è più compatta e va da 15600$ a 17800$. A meno che di sviluppi negativi inattesi ritengo improbabile scendere al di sotto di 15600$ e con questi livelli di volatilità dovrebbe comunque rimanere sopra 17000$.

Per la zona di resistenza il discorso è diverso, è molto più difficile dare una zona precisa dove avremo il massimo della settimana, posso dire che con livelli di volatilità visti nelle ultime settimane non dovremmo andare oltre i 23000$, molto più difficile andare oltre 27000$. Il range più probabile resta quello che va da 17k a 23k dollari.

Questa settimana abbiamo visto il debutto dei future del CME, ho osservato live il debutto in streaming e il future è sceso fino a 18350$ da 20600$ in un tentativo di deprezzare il bitcoin, sono stati scambiati al momento in cui scrivo 650 contratti circa pari a 3250 bitcoins, non sono ancora volumi di rilievo rispetto ad exchange come Bitstamp e Coinbase ma è soltanto il primo giorno.

Anche questa settimana per compensare i livelli di volatilità elevati visti nelle ultime settimane ho settato i coefficienti per calcolare i vari livelli di deviazione della VWAP in modo da avere una maggiore coerenza con altri indicatori che utilizzo.

L’oscillatore RSI è sempre nettamente in ipercomprato e continuerò ad ignorarlo fino a quando non ci sarà un rallentamento del trend in corso, per il momento la sua unica funzione è confermare l’estrema forza del bitcoin.

Nel caso di un evento catastrofico inatteso l’area di supporto sul grafico settimanale sale a 4200-5700 Dollari Statunitensi.
Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 10 Dicembre 2017

XBTUSD Grafico Giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale 11500$-19100$ | La zona di resistenza per questa settimana è molto ampia ma meno di quella precedente e va da 17500 a 19100 dollari, la zona di supporto è intorno alla 2a linea di deviazione, da 11500 a 11300 dollari.

Chiaramente la volatilità intraday da domani aumenterà a causa dell’impatto dei future CME e CBOE, potrebbero quindi materializzarsi delle ottime opportunità di acquisto se il prezzo dovesse portarsi per brevi lassi di tempo sotto gli 11500$. Considerato che l’arrivo dei derivati non è una notizia inattesa non mi aspetto nessun tipo di impatto sull’attuale trend rialzista, quello che vedremo sarà solamente un aumento della volatilita intraday.

Anche questa settimana per compensare i livelli di volatilità record ho settato i coefficienti per calcolare i vari livelli di deviazione della VWAP in modo da avere una maggiore coerenza con altri indicatori che utilizzo.

L’oscillatore RSI è sempre nettamente in ipercomprato anche se ha scaricato un pò mantenendosi sempre sopra la soglia di 70; finchè c’è questa grande forza questo oscillatore rimarrà costantemente sopra 70 e quindi va sempre contestualizzata la lettura dell’RSI in funzione della condizione del mercato, ad oggi ancora in estrema forza.

Nel caso di un evento catastrofico inatteso l’area di supporto sul grafico settimanale sale a 4100-5300 Dollari Statunitensi.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén