Tag: derivati

Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 26 Dicembre 2017

XBTUSD Grafico Giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale 14300$-17500$ | Per questa settimana ritorno a un livello di volatilità più basso per il calcolo delle linee di deviazione della media a volumi, abbiamo così una terza e quarta linea di deviazione non così lontane come lo erano nei precedenti aggiornamenti. Il trend resta saldamente al rialzo anche perchè il minimo fatto a 11000 dollari è nettamente più alto di quello del 12 Novembre scorso fatto a 5600 dollari circa; mi aspetto quindi un nuovo massimo nelle settimane a seguire sopra i 20000 dollari.

Per la zona di resistenza il range più probabile resta quello che va da 17k a 21k dollari, per la zona di supporto abbiamo il range da 11000$ a 14300$.

 

L’oscillatore RSI ha scaricato portandosi quasi in zona di ipervenduto con la sua media a circa 47 che deve ancora girare al rialzo, potrebbe confermare l’inversione di tendenza in corso.

Nel caso di un evento catastrofico inatteso l’area di supporto sul grafico settimanale sale a 4300-5800 Dollari Statunitensi.
Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 18 Dicembre 2017

XBTUSD – Grafico Giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale 15600$-23000$ | Anche questa settimana propongo due zone di supporto/resistenza asimmetriche. Il trend resta saldamente al rialzo ragion per cui la zona di supporto è più compatta e va da 15600$ a 17800$. A meno che di sviluppi negativi inattesi ritengo improbabile scendere al di sotto di 15600$ e con questi livelli di volatilità dovrebbe comunque rimanere sopra 17000$.

Per la zona di resistenza il discorso è diverso, è molto più difficile dare una zona precisa dove avremo il massimo della settimana, posso dire che con livelli di volatilità visti nelle ultime settimane non dovremmo andare oltre i 23000$, molto più difficile andare oltre 27000$. Il range più probabile resta quello che va da 17k a 23k dollari.

Questa settimana abbiamo visto il debutto dei future del CME, ho osservato live il debutto in streaming e il future è sceso fino a 18350$ da 20600$ in un tentativo di deprezzare il bitcoin, sono stati scambiati al momento in cui scrivo 650 contratti circa pari a 3250 bitcoins, non sono ancora volumi di rilievo rispetto ad exchange come Bitstamp e Coinbase ma è soltanto il primo giorno.

Anche questa settimana per compensare i livelli di volatilità elevati visti nelle ultime settimane ho settato i coefficienti per calcolare i vari livelli di deviazione della VWAP in modo da avere una maggiore coerenza con altri indicatori che utilizzo.

L’oscillatore RSI è sempre nettamente in ipercomprato e continuerò ad ignorarlo fino a quando non ci sarà un rallentamento del trend in corso, per il momento la sua unica funzione è confermare l’estrema forza del bitcoin.

Nel caso di un evento catastrofico inatteso l’area di supporto sul grafico settimanale sale a 4200-5700 Dollari Statunitensi.
Grafica Background Analisi Tecnica

Analisi tecnica: aggiornamento settimanale – 10 Dicembre 2017

XBTUSD Grafico Giornaliero

XBT/USD range di prezzo settimanale 11500$-19100$ | La zona di resistenza per questa settimana è molto ampia ma meno di quella precedente e va da 17500 a 19100 dollari, la zona di supporto è intorno alla 2a linea di deviazione, da 11500 a 11300 dollari.

Chiaramente la volatilità intraday da domani aumenterà a causa dell’impatto dei future CME e CBOE, potrebbero quindi materializzarsi delle ottime opportunità di acquisto se il prezzo dovesse portarsi per brevi lassi di tempo sotto gli 11500$. Considerato che l’arrivo dei derivati non è una notizia inattesa non mi aspetto nessun tipo di impatto sull’attuale trend rialzista, quello che vedremo sarà solamente un aumento della volatilita intraday.

Anche questa settimana per compensare i livelli di volatilità record ho settato i coefficienti per calcolare i vari livelli di deviazione della VWAP in modo da avere una maggiore coerenza con altri indicatori che utilizzo.

L’oscillatore RSI è sempre nettamente in ipercomprato anche se ha scaricato un pò mantenendosi sempre sopra la soglia di 70; finchè c’è questa grande forza questo oscillatore rimarrà costantemente sopra 70 e quindi va sempre contestualizzata la lettura dell’RSI in funzione della condizione del mercato, ad oggi ancora in estrema forza.

Nel caso di un evento catastrofico inatteso l’area di supporto sul grafico settimanale sale a 4100-5300 Dollari Statunitensi.
logo bitmex

Bitcoin e strumenti derivati, come la cina evade i controlli di valuta

Bitcoin Mercantile Exchange ( BitMEX ), uno piattaforma per lo scambio di derivati sul bitcoin lanciata nel 2014, ha già 5800 gli utenti che si scambiati  contratti derivati per un controvalore totale di $ 760 milioni.

Fondato da Arthur Hayes, un ex trader di Citigroup che ora vive a Hong Kong, l’obiettivo era quello di creare una pittaforma di scambio in cui le persone usano criptovaluta per puntare su titoli non facilmente accessibili nei loro mercati interni, ad esempio quello cinese.

Visto che la Cina restringe lo scambio di yuan per altre valute, i cittadini trovano costoso e difficile investire in titoli esteri. Gli investitori stranieri sono anche limitati su cosa comprare sempre dal governo Cinese.

L’acquisto di derivati in Bitcoin

L’obiettivo, ha detto Hayes, è quello di permettere a tutti di scommettere su qualsiasi cosa, in qualsiasi momento.

BitMEX non permette ai propri clienti di cambiare valuta tradizionale per bitcoin, quindi questi dovranno organizzarsi per l’acquisto di bitcoin su exchange come bitfinex, kraken, coinbase ed altri. Dopodichè essi possono quindi aprire un conto BitMEX, depositare i loro Bitcoin, e usarli per tradare. Gli investitori non comprano azioni, comprano i derivati, che sono contratti che simulano indici o titoli. Gli utili e le perdite sono calcolate sul conto BitMEX del cliente. I clienti possono ritirare i proventi e riconvertirli in contanti su altri exchanges.

BitMEX non dispone di una licenza per operare presso gli investitori cinesi. La società si basa su un approccio permissivo da parte del governo cinese.

BitMEX vicina ad un buon inizio

Quello che aiuta BitMEX è la dimensione del mercato cinese e l’esperienza di Hayes nel definire i contratti finanziari. Finora 5800 utenti hanno operato per un controlvalore totale di $ 760 milioni. BitMEX è già redditizia, il che è raro per delle start-up considerato che esiste da poco.

Hayes ha detto che consentirà ai clienti di utilizzare cryptocurrencies oltre al bitcoin, se lo desiderano.

Gil Luria, responsabile della ricerca tecnologia al Wedbush Securities Inc ., Ha detto che BitMEX è diventato un rapido scambio per derivati criptovaluta e ha beneficiato della vicinanza al mercato cinese e l’esperienza di Hayes nel commercio di derivati.

BitMEX ha preso il primo posto il mese scorso in una competizione tra 475 start-up di Singapore ospitati da Tech in Asia, un blog di tecnologia. BitMEX ora vuole raccogliere $ 2 milioni per far crescere la propria offerta.

Gli investitori cercano Diversificazione

Il tempismo di BitMEX è buono, secondo William Bao Bean, un investitore cinese. Ha detto che gli investitori vogliono diversificare mentre l’economia rallenta e gli investimenti interni sono sempre più imprevedibili. Bean è un ex banchiere d’investimento di Deutsche Bank che ora gestisce un programma per start-up chiamato Chinaccelerator.

Hayes è cresciuto nel sobborgo di Detroit di Bloomfield Hills. Ha frequentato l’Università di Wharton School della Pennsylvania e ha studiato economia, finanza e cinese. Ha trascorso un anno presso l’Università di Hong Kong della scienza e della tecnologia.

Ha imparato il commercio e derivati in uno stage con Deutsche Bank. Si trasferisce a Citigroup nel 2011 e focalizzata su Exchange Traded Funds. Nel 2011 ha perso il suo lavoro come parte di una manovra da 11000 licenziamenti.

Nel lanciare BitMEX, Hayes scheda Ben Delo, un laureato dell’Università di Oxford che ha sviluppato il software per i commercianti. Delo sta costruendo la piattaforma di trading di BitMEX. Sam Reed, uno sviluppatore web Milwaukee, sovrintende il design del sito.

La Cina è il centro del mondo bitcoin, con oltre il 90% del volume di scambio di Bitcoin in yuan cinese, secondo bitcoincharts.com. La Cina rappresenta anche per la maggior parte del mining bitcoin.

Delo e Hayes hanno partecipato a tre mesi al campo di addestramento Chinacellerator che assiste gli imprenditori che sviluppano imprese. Essi hanno scoperto che gli investitori cinesi vogliono essere in grado di prendere in prestito capitali. Quindi, BitMEX ha permesso ai clienti di prendere in prestito fino a $ 100 per ogni $ 1 di capitale, che è il quadruplo di ciò che offrono alcuni concorrenti.

I traders scommettono su vari beni

BitMEX ha attualmente in esecuzione un test in cui gli operatori possono scommettere sul prezzo delle valute virtuali, la volatilità del mercato e un indice delle maggiori 50 aziende pubbliche cinesi. L’obiettivo è quello di creare prodotti per le persone per operare su indici azionari, titoli, obbligazioni e valute del mondo reale. Hayes ha osservato che il Chicago Mercantile Exchange consente agli operatori di scommettere su tutto, dalle valute dell’America Latina al combustibile di Singapore e addirittura al clima europeo.

Hayes ha detto che ha bisogno di raccogliere fondi per ampliare la sua offerta e vedere se è in grado di scoprire se la domanda di BitMEX continuerà oppure no.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén